Archivio della categoria: Notizie

Turni e riposo. Regioni in ritardo sulle nuove norme. Non resta che chiedere le “35 ore settimanali”

Per evitare la procedura di infrazione europea il Parlamento ha ripristinato il diritto comunitario su orari e riposi già in vigore per tutti gli altri lavoratori. Ma finora nessuna regione si è adeguata e la scadenza è il 25 novembre. Che fare? Ecco alcune proposte concrete.

Vai all’articolo completo su Quotidiano Sanità

Dipendenti Pa, Madia firma la circolare sul pensionamento obbligatorio. Ecco il testo con le specifiche per i medici

Titolo chilometr2014-La-Pensione-Puo-Attendereico – «Soppressione del trattenimento in servizio e modifica della disciplina della risoluzione unilaterale del rapporto di lavoro» – per la circolare del ministero della Pa che conferma e regola l’uscita obbligatoria (con poche eccezioni) dalla Pubblica amministrazione per chi abbia raggiunto l’età della pensione
Il regime speciale per i dirigenti medici. Un paragrafo è poi dedicato al regime speciale dei dirigenti medici e del ruolo sanitario..

continua a leggere l’articolo

 

 

Corresponsione dell’indennità di esclusività per i 5 e 15 anni di anzianità

A differenza del blocco contrattuale, fortunatamente, non è stato prorogato (legge 190/2014) il blocco delle progressioni di carriera ferme dal 2011 al 2014 compresi per effetto della legge 122/2010 e della legge 147/2013. Pertanto, a partire dal primo gennaio 2015 dovranno essere corrisposti a tutti i medici e dirigenti sanitari che hanno maturato l’anzianità di 5 e 15 anni e che ancora non li avessero ricevuti dalle proprie Asl, gli emolumenti relativi all’indennità di esclusività debitamente adeguata all’anzianità maturata.

Si prega di far giungere questa notizia a tutti gli iscritti.

Scarica lo schema di una lettera che i Segretari aziendali invieranno, ove ancora necessario, alle Amministrazioni delle proprie Asl.

INTERVISTA AL SEGRETARIO REGIONALE DOTT. G.B. TRAVERSO

“È necessaria una crescita della cultura sindacale. Penso sia fondamentale uscire dall’isolamento nel quale da troppi anni ci troviamo”.

Le principali criticità della Liguria sono quelle comuni a tutto il Paese, in cui la crisi economica e sociale perdura da diversi anni; nel nostro contesto i problemi sono acuiti da un’inerzia politica disperante, da una stagnazione economica iniziata ben prima di questa crisi, e da un preoccupante calo demografico, caratterizzato dalla denatalità e dall’emigrazione qualificata, associato all’invecchiamento della popolazione. Nello specifico i pesanti tagli imposti dalla spending review hanno portato ad accorpamenti di reparti e alla chiusura di ospedali, che si riflettono pesantemente sul versante occupazionale. Il blocco del turn over ha portato ad avere reparti sguarniti o presidiati da medici di età avanzata in piena fase di burn out, a fronte di un gran numero di giovani medici disoccupati o sottooccupati.

Continua a leggere